Notizie in rete su San Felice

Legambiente adotta la Scuola Pascoli di San Felice sul Panaro
Dopo una burrascosa fine di anno scolastico, dopo aver sostenuto gli esami di terza media e di maturità solo oralmente in cortili all’aperto o in altri edifici rimasti miracolosamente indenni, per glistudenti emiliani delle zone colpite dal sisma è giunto il momento di voltare pagina. Molti di loro, circa 8 mila, inizieranno il nuovo anno in strutture prefabbricate, dal momento che oltre 200 sono gli edifici scolastici danneggiati o gravemente compromessi a causa dei ripetuti eventi sismici degli scorsi mesi.
Per questa ragione Legambiente ha deciso di adottare la scuola media Giovanni Pascoli di San Felice sul Panaro (Mo) firmando un accordo che stipula l’impegno dell’associazione ambientalista con il Comune emiliano per la ricostruzione “green” dell’edificio scolastico.

 

 

Il tennis di Montecatini aiuta San Felice e Finale Emilia
Una no-stop di tennis per aiutare le popolazioni emiliane colpite dal terremoto. Si rinnova a Montecatini Terme l’appuntamento con la maratona tennistica di solidarietà: quest’anno il ricavato andrà a un progetto di solidarietà in ambito sportivo a favore delle popolazioni di Finale Emilia e San Felice sul Panaro, due delle località maggiormente colpite dai violenti eventi tellurici di maggio.

ph. Carolina P. su Facebook

ph. Carolina P. su Facebook

ph. Carolina P. su Facebook

Anche i mondiali di vela sul Garda in aiuto ai Sanfeliciani.
Il Campionato si chiude con un tasso di adrenalina alle stelle e con una barca tutta italiana nell’olimpo della vela internazionale. (…) Il Mondiale Melges 24 è stato possibile grazie al generoso supporto di un gruppo di sponsor e degli enti locali, guidati dal Comune di Nago Torbole e dalla Regione Trentino. BMC Bike ha messo in palio una straordinaria bicicletta per la raccolta fondi a favore dei terremotati di S. Felice sul Panaro.

 

Un giorno tra i bimbi e i ragazzi delle zone terremotate
Martedì 31 luglio, all’interno del bellissimo progetto Il cantiere della fantasia, che ha portato decine di scrittori, animatori e illustratori nei centri estivi delle zone colpite dal recente terremoto, ho trascorso una giornata con i bambini e i ragazzi di San Felice sul Panaro e San Biagio.
San Felice è una cittadina di 10.000 abitanti ancora pesantemente condizionata dagli effetti del terremoto. Non ci sono più chiese (tutte e tre crollate), il castello degli Estensi, simbolo della città è sventrato, il centro storico fantasma, i negozi, le poste , le banche riaperte in container o casette prefabbricate (come il gelataio, che stava proprio nella piazza centrale e ora serve i gelati in un baracchino di legno nel giardino di casa sua).

 

il Cantiere della Fantasia a San Felice

 

Anche il Comune di Savona adotta San Felice
Il Comune di Savona ha avviato una raccolta fondi da destinare al Comune di San Felice del Panaro (MO), colpito dal sisma. Accogliendo la richiesta della Rsu e d’intesa con tutte le componenti dell’amministrazione in indirizzo, la Giunta comunale ha deciso di istituire uno specifico fondo per finanziare un preciso intervento a favore delle popolazioni così gravemente colpite dagli eventi sismici dei mesi scorsi.
L’amministrazione comunale destinerà quanto verrà raccolto al Comune predetto, già contattato e sul cui sito internet è possibile consultare le priorità d’intervento e notizie varie, per interventi di recupero o ripristino di strutture e attrezzature per l’infanzia.

  • Leggi la notizia integrale sul sito ivg.it

 

Un aiuto da La Spezia
I Volontari della Protezione Civile della Spezia hanno consegnato direttamente nelle mani del Vice Sindaco di San Felice sul Panaro Giovanni Giovannelli il ricavato della raccolta fondi provenienti dalla vendita del Parmigiano da loro effettuata. Il vice sindaco invitato dal referente del Volontariato Emilio Ardovino ha dichiarato che a breve effettuerà una visita alla Spezia.

 

Un aiuto dai giornalai di Cesena
Cesena aggiunge un nuovo filo alla rete di solidarietà verso l’Emilia ferita dal terremoto. Nei giorni scorsi l’Associazione giornalai cesenate ha portato in Comune un assegno di 1534 euro, da destinare alle popolazioni emiliane colpite dal sisma. A consegnare l’importo al Sindaco Paolo Lucchi sono stati Adler Leonardi e Mauro Baldacci, rispettivamente presidente e consigliere dell’Associazione, accompagnati da Angelo Spanò della Confersercenti.

Terremoto, l’Associazione giornalai cesenate dona 1534 euro da sinistra Mauro Baldacci, Adler Leonardi, il Sindaco Lucchi e Angelo Spanò

 
About these ads