Un nuovo punto-lettura al Campo Pascoli

Grazie a un’ampia donazione di libri della casa editrice Hachette, e grazie all’aiuto della Protezione Civile di Vignola e dell’Unione Terre di Castelli che ha provveduto a trasportare i libri e a montare una tenda per accoglierli, a San Felice abbiamo a disposizione un nuovo punto-lettura allestito presso il Campo Pascoli.

Nella tenda è possibile trovare libri sia per bambini e ragazzi, sia romanzi e narrativa per adulti: verrà aperta ogni mattina verso le 9, nelle ore più fresche della giornata, da un gruppo di volontari, che si occuperanno non solo del prestito dei libri, ma anche di fare un po’ di animazione e letture collettive con i più piccoli.

Cinzia, educatrice del Comune e volontaria. Ha allestito la tenda insieme a Luisa e ad alcuni volontari della Protezione Civile.

E’ un’ulteriore opportunità che si aggiunge all’iniziativa Bibliobus, di cui abbiamo parlato qui.

Cogliamo l’occasione per sottolineare il riconosciuto valore universale della lettura come strumento per rielaborare traumi e vicende personali shockanti. Soprattutto per i più piccoli, esiste un’ampia letteratura di riferimento per i territori colpiti da un sisma, che attraverso letture guidate o manuali molto semplici aiutano i bambini a capire cosa è accaduto, a esprimere le proprie paure e perplessità, a ritrovare la fiducia. E l’estate è sicuramente un ottimo momento per dedicarsi alla lettura, in attesa che riprendano le attività scolastiche.

In rete abbiamo trovato qualche spunto interessante, che condividiamo volentieri.

Civilino e il terremoto” è un progetto didattico del Gruppo Volontari di Protezione Civile di Bastia Umbra e dell’Associazione di Protezione Civile Pietralunghese Raggruppamento Anteo. Si tratta di un cartone animato che vuole essere un insegnamento divertente ed accattivante per tutti i bambini, e non solo, per illustrare loro come comportarsi in caso di terremoto. Civilino, la mascotte della Protezione Civile, illustra assieme al piccolo Marco, tutte le procedure per evitare danni in casa, sulle scale, a scuola, in strada e in altre situazioni di pericolo.

Sul portale civilino.it, mascotte della Protezione Civile Umbra, è possibile trovare molti progetti, attività e materiali utili e interessanti.

Non chiamarmi terremoto” è una una docu-fiction che usa un linguaggio narrativo per raccontare e spiegare cos’è un terremoto e cosa possiamo fare per ridurne gli effetti, è stata prodotta da formicablu assieme a Ethnos film e a EDURISK, un progetto educativo per la riduzione del rischio.
Con la partecipazione di persone normali e di attori famosi, questa docu-fiction, realizzata dopo il terremoto de L’Aquila, è una storia che non è destinata alla prima infanzia; è invece molto adatta ai ragazzi a partire dalle scuole medie, ma anche ai loro genitori, ed è perfetto da mostrare anche ai nonni e ai loro amici.

Ulteriori informazioni disponibili sul portale nonchiamarmiterremoto.it

Infine, Giunti Libri per bambini ha creato questi testi, scaricabili online in PDF, sui terremoti:

About these ads