Il Taro Taro Club di Collecchio per le scuole di San Felice

L’Associazione Taro Taro Story nasce per organizzare la stagione estiva dedicata all’ex locale storico collechiese – il Taro Taro Club - che ha fatto ballare, sognare, innamorare, diverse generazioni di giovani della provincia di Parma.

Grazie all’aiuto di ditte e associazioni del territorio che hanno fornito gratuitamente i servizi, l’intero ricavato della festa conclusiva prevista per venerdì 7 settembre alla Corte di Giarola andrà interamente per un progetto di ricostruzione della nostra scuola elementare – insieme ad altri contributi raccolti durante l’estate.

Ad oggi l’importo raccolto ammonta a 34.258,00 euro!

Nel ringraziare gli amici di Collecchio per preso a cuore la nostra situazione, riportiamo il comunicato stampa dell’iniziativa.

Parma 27 Agosto 2012 – Sopralluogo dei membri del Taro Taro Club a SanFelice sul Panaro, nei giorni scorsi, per un incontro con l’assessore alla Scuola, Politiche giovanili e Cultura Giulia Orlandini e definire il progetto su cui saranno convogliati i fondi che il gruppo sta raccogliendo, con l’obiettivo di destinarli al centro del modenese colpito a maggio dal terremoto.
Roberto Merusi, Paolo Alfieri e Marco Silva si sono infatti recati nella cittadina per vedere coi loro occhi la situazione e confermare l’intenzione di devolvere alla ricostruzione del centro emiliano i fondi derivanti dalla raccolta attivata con un conto corrente dedicato, che si concluderà il prossimo 7 settembre alla Corte di Giarola. Il tradizionale appuntamento con la musica Disco degli anni Settanta e Ottanta a Collecchio, infatti, che conclude idealmente il ciclo estivo attirando ogni tantissime persone di ogni età, sarà quest’anno a scopo benefico.
“Tutto l’incasso sarà interamente devoluto per contribuire attivamente alla ricostruzione – ha spiegato Merusi -. Nei prossimi giorni il progetto specifico, a cui devolveremo il denaro raccolto nelle tante piazze del nostro calendario estivo, sarà reso noto nel corso di una conferenza stampa”.
Partner dell’iniziativa sono anche il Comune di Collecchio e il Comune di Fontevivo, e l’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità dell’Emilia occidentale.
San Felice è uno dei comuni maggiormente colpiti dallo sciame sismico di maggio e giugno scorsi. Il terremoto ha provocato il crollo della torre dell’orologio, ha provocato pesanti danni alla Rocca del 1300, alla chiesa madre e al teatro di stile Liberty. Sono stati 1500 i cittadini sfollati dalle loro case, pericolanti o variamente danneggiate: di questi ancora 900 persone vivono in tenda e poco meno di un migliaio di stabili residenziali sono stati dichiarati inagibili.
Danni si sono registrati anche alle scuole. “L’edificio che ospita le scuole medie è quello in migliori condizioni – ha spiegato l’assessore Orlandini –. Ci vorranno forse un paio di anni di lavori, ma riusciremo a recuperarlo. La scuola elementare, un edificio degli anni Cinquanta, e la materna sono invece compromessi”.

L’articolo del 1 settembre sulla Gazzetta di Parma.

Gli amici del Taro Taro in visita a San Felice, accolti dall’assessore Orlandini

Gli amici del Taro Taro in visita a San Felice, accolti dall’assessore Orlandini

 

About these ads