I cyclotubbies della solidarietà per Il Porto

Il gruppo degli Unni, partito da Maranello, attraversa piazza Grande a Bologna per raggiungere Ravenna

Ovvero: quando la solidarietà prende le forme più bizzarre… come quella di buffi Teletubbies che a bordo di un curioso “multi-tandem” realizzato con vecchie Graziella sono partiti da Maranello per raggiungere, pedalata dopo pedalata, Marina di Ravenna.

E lungo la strada, nelle piazze delle città dove hanno fatto tappa, non hanno perso occasione di strappare un sorriso o fare una foto insieme alla gente del posto, raccogliendo offerte da dare in beneficenza proprio al Comune di San Felice, e in particolare all’associazione Il Porto, che nel nostro paese si occupa della gestione di un centro di prima accoglienza per immigrati ed extracomunitari.

Anche l’associazione Il Porto, come l’AUSER e la Caritas e l’associazione artistica culturale Torre Borgo, ha perduto la sede per i crolli del complesso Chiesa – Parrocchia – Torre Borgo causati dai sismi del 20 e 29 maggio.

E così dai policromi Unni in bicicletta arriva un aiuto concreto a chi, nella quotidianità del nostro paese, è ogni giorno al fianco dei Sanfeliciani, senza distinzione di colori.

Al seguito di questa pazza iniziativa c’è un nostro concittadino, Alessandro Guicciardi, che ha raccontato l’esperienza chilometro dopo chilometro su Twitter con l’ashtag #raduna dal suo account @fogscientist (leggi qui il racconto).
Oggi l’assessore allo Sport Massimo Bondioli e il consigliere comunale Elisa Ragazzi raggiungeranno la compagnia per ringraziarli a nome di San Felice.

Un ringraziamento speciale va dunque agli “Unni” di Maranello e Serramazzoni, ma non di meno all’Associazione PER GLI ALTRI che insieme al CSV di Ravenna ha collaborato alla raccolta-fondi.

Qui un articolo sulla pedalata degli Unni da Modena al mare.

Qui è possibile rivedere il servizio andato in onda su TRC.

Qui di seguito invece una gallery con alcune foto inviate da @fogscientist.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci