Il cantiere della fantasia a San Felice

la solidarietà è sforzo attivo e gratuito, atto a venire incontro alle esigenze e ai disagi di qualcuno che ha bisogno di un aiuto.

Dal 20 maggio di disagi ne abbiamo collezionati non pochi. Come individui, come nuclei famigliari, come collettività. E le nostre esigenze, quelle sì sono completamente cambiate: avere un riparo confortevole, mettere al sicuro i propri cari, imparare a convivere con la paura. Accettare di farsi aiutare.

Già, perchè quando una catastrofe mette in ginocchio un intero paese, l’aiuto di tutti diventa indispensabile per poter guardare di nuovo avanti. E se c’è una cosa che abbiamo imparato da questa tragedia, è che l’Italia è fatta di persone, associazioni, gruppi di amici, aziende e amministratori che conoscono la parola solidarietà.

Sono tante le testimonianze di aiuti ricevuti che abbiamo raccontato in queste pagine, e siamo felici di raccontarne di nuove, quasi come se ogni racconto di solidarietà si tramutasse nel gesto di rimettere al suo posto un mattone che il terremoto ha buttato a terra.

La storia che raccontiamo oggi è dedicata ai piccoli di San Felice e degli altri comuni della Bassa colpiti dal terremoto, ed è fatta di forme e colori e musica e parole che incantano. E’ la storia di un’azienda che nel mondo è sinonimo di Modena, la Casa Editrice Franco Cosimo Panini. E della sua idea di chiamare a raccolta gli autori e scrittori della sua scuderia e tutti coloro che con disegni, colori, racconti e musica possano offrire ai bambini dei centri estivi della Bassa un’occasione affinchè possano imparare nuovamente a guardare al domani con fiducia e spensieratezza.

Nasce così Il cantiere della fantasia, un ciclo di appuntamenti itineranti in cui gli autori, a seconda della disponibilità, raggiungono i centri estivi per intrattenere i bimbi e i ragazzi con percorsi sempre nuovi, che non mancano mai di lasciare a bocca aperta i piccoli spettatori – come testimoniato dalle foto che vi invitiamo a vedere sulla pagina facebook dedicata al progetto.

Cerchiamo di andare in tutti i centri estivi della zona – racconta Federica Previati, sanfeliciana che lavora all’ufficio stampa della Divisione Ragazzi Panini e sta coordinando il progetto. E’ faticoso organizzare, ma le soddisfazioni sono impagabili: vedere con che dedizione e solidarietà gli autori danno il loro tempo e talento ai bambini, ognuno a modo suo, e vengono fuori cose straordinarie, sguardi profondi. Altan ci ha disegnato il logo…

Cantiere della fantasia – il logo disegnato da Altan

Con le parole del blog topipittori (che ha aderito al progetto), “la casa editrice Franco Cosimo Panini si è offerta di sostenere i centri estivi dei Comuni di Mirandola, Medolla, Cavezzo, San Felice sul Panaro, Finale Emilia e Concordia, programmando il calendario delle attività delle giornate di martedì, mercoledì e giovedì, da luglio a settembre, in questo modo sollevando il Comune dall’onere della gestione delle attività e dall’altra mettendo a disposizione la ricchezza della proprie competenze, conoscenze e relazioni: una rete preziosa di persone e delle migliori energie presenti in Italia rivolte a bambini e ragazzi”.

Il 4 luglio, nel nostro Comune si sono già svolti i primi due appuntamenti:

  • Lettura animata con i burattini Pimpa e Olivia Paperina a San Biagio, con l’attrice Martina Raccanelli (bimbi dell’asilo)
  • Il signor Tazzina e Il Gatto con gli stivali – laboratorio d’illustrazione e fantasia con l’illustratrice Maria Sole Macchia a San Felice (bimbi delle elementari e medie)

Questo il calendario della scorsa settimana, per avere un’idea di quanti sono gli autori e le iniziative che di giorno in giorno vengono proposti:

Sempre sulla pagina facebook verranno segnalati i nuovi appuntamenti e il resoconto di ciascun incontro.

Alla Casa Editrice Franco Cosimo Panini va il ringraziamento degli Amministratori e delle famiglie dei piccoli che, attraverso questa iniziativa, guadagneranno una tesserina del puzzle che compone il quadro di una nuova forma di normalità post-sisma.

E per concludere con le parole di Federica, “vedrai che risorgeranno cose belle e inaspettate”.

Annunci

Una risposta a “Il cantiere della fantasia a San Felice

  1. Pingback: Con un pallone e una favola tutto diventa più semplice | San Felice, vogliamo ripartire·

I commenti sono chiusi.