La provincia di Forlì-Cesena dona 14.000 euro a San Felice

[notizia tratta da forli24ore.it] Una preziosa goccia nel mare degli aiuti finanziari necessari per la ricostruzione, dopo il terremoto in Emilia del 20 e 29 maggio 2012. La Provincia di Forlì-Cesena si è fatta promotrice, nell’ambito del gemellaggio con il Comune di San Felice sul Panaro, di una raccolta di fondi da devolvere a questo Comune della provincia di Modena, uno dei più colpiti dal sisma.

Fino ad ora sono stati raccolti circa 17.000 euro, mediante un apposito conto corrente aperto per questa finalità. Oggi, venerdì 7 settembre, il presidente della Provincia Massimo Bulbi, il vice-presidente Guglielmo Russo e personale degli uffici della Protezione Civile della Provincia di Forlì-Cesena si sono recati a San Felice sul Panaro per la consegna della somma di 14.400 euro. Dopo una breve cerimonia in municipio, alla presenza del sindaco Alberto Silvestri, la delegazione di Forlì-Cesena ha fatto tappa al campo di accoglienza “Scuole Medie”, dove operano i volontari della Protezione Civile di Forlì-Cesena.

Oltre al sostegno economico, è intenso anche il supporto tecnico al Centro operativo comunale di San Felice sul Panaro svolto da tecnici di Provincia, Comuni e Comunità Montane di Forlì-Cesena: un impegno di circa 50 persone tra operatori di Provincia, Comuni di Modigliana, Tredozio, Cesena, Castrocaro, Forlì, Comunità Montana Cesenate, Mercato Saraceno, San Mauro Pascoli, Bagno di Romagna, Forlimpopoli, Sogliano al Rubicone, Verghereto, Longiano, per un totale di 176 presenze fino al 10 agosto. Parallelamente è attivo il volontariato di Protezione Civile, attualmente presente sui luoghi del terremoto con una squadra di circa 20 volontari presso il campo “Scuole medie”. Dall’inizio dell’emergenza sono circa 430 gli operatori che si sono avvicendati per dare aiuto alle popolazioni colpite.

E’ giusto anche ricordare i donatori che hanno contribuito al successo dell’iniziativa: i dipendenti della Provincia di Forlì-Cesena, la Cisl-Filca, Centro culturale ‘Il Tralcio’, Pro Loco ‘Aisem’, dipendenti Zattini Group di Forlì, dipendenti Apofruit di Longiano, Consulta del Volontariato di Cesenatico, Giglioli Production di San Mauro Pascoli. A questi si sommano altri privati cittadini, che hanno contribuito anche dalle province di Roma, Torino, Trieste, Bari, Trento e Vicenza.

Una parte della somma raccolta (2.500 euro) sarà devoluta anche al Comune di Concordia sulla Secchia, paese natale del vescovo di Cesena Douglas Regattieri, anch’esso nel Modenese.

Annunci