CONI Modena, un Convegno all’insegna della solidarietà

Anche il Comitato Provinciale del CONI di Modena, in rappresentanza dello sport provinciale, si è mosso per dare un piccolo aiuto ai Comuni terremotati.

Durante l’estate ha partecipato al progetto Estate Insieme, coivolgendo e coordinando i tecnici sportivi, gli educatori e gli allenatori che, come volontari, hanno collaborato ai centri estivi e campi ludico-motori di Mirandola, San Prospero e Cavezzo, San Biagio e Camposanto (leggi qui).
In particolare, il CONI Modena si è fatto tramite di un’importante collaborazione con l’Università degli Studi di Verona per un’iniziativa che ha coinvolto oltre cento studenti dell’Ateneo, che hanno svolto turni settimanali di volontariato nei suddetti campi (leggi qui una testimonianza), validi come tirocinio formativo.

Sabato scorso si è svolto inoltre un interessante Convegno Nazionale dedicato al tema del “Movimento come Salute“: anche in questa circostanza la Giunta del CONI Modena ha voluto connotare l’iniziativa all’insegna della solidarietà, destinando l’intero ricavato delle quote di partecipazione del Convegno al Comune di San Felice sul Panaro. A questo piccolo contributo (circa duemila euro) che verrà bonificato i prossimi giorni sul conto corrente del Comune, si aggiungono altre due testimonianze di solidarietà raccolte durante l’estate dal Presidente del CONI Modena Franco Bertoli, nel suo “terreno d’elezione”, la pallavolo. A giugno ha infatti preso parte a un torneo a Venezia, raccogliendo 820,00 euro dal CUS Volley Venezia e altri 800,00 euro dall’Associazione Arbitri FIPAV di Venezia – anche questi donati al Comune di San Felice per la ripartenza dell’attività sportiva e motoria locale.

L’Assessore allo Sport Massimo Bondioli con il Presidente CONI Modena Franco Bertoli

Sempre in ambito sportivo, segnaliamo l’iniziativa del Coliseum Center, centro fitness con sede a Modena, che sabato 6 ottobre aprirà le porte della palestra per una giornata di sport e fitness all’insegna della solidarietà: gli istruttori si sono offerti gratuitamente, e tutto il ricavato delle offerte verrà donato al Centro Ancora di San Felice.

Per prenotare le lezioni rivolgersi alla segreteria al numero 059/375678 tutti i giorni dalle ore 20:00 in poi.

E questa è la simpatica lettera di presentazione dell’iniziativa a favore degli amici del Centro Ancora:

Centro Ancora: quando abilità e disabilità si fondono.

A cosa pensate quanto immaginate un centro disabili?
Difficoltà? Limiti? Compassione?
Beh! Proviamo a raccontarvi un po’ di noi…

Il Centro Ancora, ormai operativo da anni e facente parte delle iniziative ufficialmente riconosciute sul nostro territorio, è una struttura rivolta a ragazzi diversamente abili, in cui, tutti i giorni, dal lunedì al sabato (compresi), a partire dalle 14:30 e fino alle 18:30, vengono eseguite attività ludico ricreative per intrattenere i nostri 14 ragazzi.

Ve li vogliamo presentare. Abbiamo:

  • il gigante buono appassionato di musica classica e direzione d’orchestra;
  • la bella mora appassionata di ballo liscio;
  • le due gemelle ballerine;
  • la perfetta collaboratrice domestica, una macchina da guerra per le pulizie;
  • le buone forchette amanti della tavola;
  • l’appassionato di cruciverba nonché ormai accreditato modello per le sfilate di Mani Tese;
  • l’esperto di modellini di trattori ed automobili;
  • la collezionista di riviste e carte da gioco;
  • il cantante;
  • i due Don Giovanni;
  • ed infine la coccolona del gruppo.

Da non dimenticare, specialmente in questo momento di enfasi olimpionico/sportiva, la serie di coppe vinte dai ragazzi nella gare di pesca sportiva, siamo un pochino più deboli sulle gare di bocce ma, sulla pesca un piazzamento da podio è immancabile.

I nomi, ovviamente, per privacy, non li abbiamo fatti ma, basta frequentare il centro un solo pomeriggio per ricostruire identità e passioni.

Vedete, i ritmi di vita che, talvolta, vengono imposti a noi “abili” ci fanno perdere il gusto delle nostre passioni mentre, i nostri ragazzi ci ricordano che non e’ sempre necessario accantonare ciò che ci piace in favore di ciò che si deve… si possono gestire diritti e doveri in modo più equilibrato.

I nostri pomeriggi scorrono tra chiacchiere, risate, canti, balli, corse nel giardino, partite di pallone, ruba bandiera, disegni, pittura ed immancabili partite di scala quaranta.

Una menzione particolare, per le attività artistiche, va alla nostra assistente Vittoria Gatti che con le sue opere (quadri a tema), rigorosamente eseguiti con la collaborazione dei nostri ragazzi, scandisce le stagioni rallegrando le pareti del nostro centro.

Per quanto concerne noi assistenti, vi dico, semplicemente, che il Centro è il frutto della collaborazione di persone di diverse età e professionalità. Non si esagera se si afferma che copriamo un’intera generazione (dolcissime ed attivissime nonne e brillanti nipoti).

Cosa possiamo ancora dirvi…  semplicemente che, nell’assaporare l’atmosfera di una nostra giornata tipo si perde il senso della diversità per lasciare posto  all’integrazione delle caratteristiche di ciascuno di noi, assistenti ed assistiti. 

Annunci